SOUNDAYS

CD ALBUM ©2010

"Soundays" è il primo album strumentale di ispirazione New Age, pubblicato nel 2010 da Alex Lunati.

Il progetto, in origine, avrebbe dovuto chiamarsi "Notes", che tradotto dall'inglese significa sia "note" che "appunti".

Nasce da improvvisazioni al pianoforte, rimaneggiate poi successivamente e arrangiate senza mai tradire la natura improvvisativa dei brani e incentrando il focus esclusivamente sul pianoforte e sulla freschezza delle melodie.

Gli arrangiamenti sono volutamente essenziali, spogliati da ogni orpello o da tecnicismi superflui.

"Soundays" è essenzialità, distillato di emozioni, cuore e movimenti dell' anima.

Astral Call (A. Lunati)

Alex Lunati: Piano

"Questo brano è stato composto durante una telefonata. Il titolo provvisorio era "Me and you at the phone". Con il cellulare all'orecchio appoggiato sulla spalla, ho incominciato a registrare suonando quello che mi suggeriva istintivamente la conversazione..." A.L.

Message in a Mess Age (A.Lunati)

Alex Lunati: Piano, Wurlitzer Electric Piano, Keyboards and Programming

MoMus Strings Quartet:

Tania Righi: 1 Violin

Veronica Medina: 2 Violin

Sebastiano Airoldi Cassarà: Viola

Paolo Balani: Violoncello

Stefano Seghedoni: Strings arrangements and Director

All in One (A.Lunati)

Alex Lunati: Piano, Keyboards and Programming

Raffaele Chiatto: Acoustic Guitars

Lor Lunati: Percussions

MoMus Strings Quartet:

Tania Righi: 1 Violin

Veronica Medina: 2 Violin

Sebastiano Airoldi Cassarà: Viola

Paolo Balani: Violoncello

Stefano Seghedoni: Strings arrangements and Director

Black Angel (A.Lunati)

Alex Lunati: Piano

"Black Angel è stato ispirato da un incontro con una ragazza,

la quale era seguita da un gigantesco angelo nero, che posizionato al di sopra di lei, la proteggeva muovendo le sue ali nere.

Anche seduti all'interno di un bar, sospeso sopra di lei, si poteva scorgere il profilo di questo angelo.

Poi da un giorno all'altro, questo angelo è scomparso improvvisamente e non è più ritornato". A.L.

 

Soundays (A.Lunati)

Alex Lunati: Piano, Keyboards and Programming

Raffaele Chiatto: Acoustic Guitars

Lor Lunati: Percussions

MoMus Strings Quartet:

Tania Righi: 1 Violin

Veronica Medina: 2 Violin

Sebastiano Airoldi Cassarà: Viola

Paolo Balani: Violoncello

Stefano Seghedoni: Strings arrangements and Director

Pineal (A.Lunati)

Alex Lunati: Piano, Keyboards and Programming

Lor Lunati: Percussions

MoMus Strings Quartet:

Tania Righi: 1 Violin

Veronica Medina: 2 Violin

Sebastiano Airoldi Cassarà: Viola

Paolo Balani: Violoncello

Stefano Seghedoni: Strings arrangements and Director

Kundalini (A.Lunati)

Alex Lunati: Piano, Keyboards and Programming

MoMus Strings Quartet:

Tania Righi: 1 Violin

Veronica Medina: 2 Violin

Sebastiano Airoldi Cassarà: Viola

Paolo Balani: Violoncello

Stefano Seghedoni: Strings arrangements and Director

Balance (A.Lunati)

Alex Lunati: Piano

The Crickets: Special Effects

Our House in front of sea (A.Lunati)

Alex Lunati: Piano. Keyboards and Programming

Paolo Torelli: Guitars

Mars (A.Lunati)

Alex Lunati: Piano

Grace Land (A.Lunati)

Alex Lunati: Piano. Keyboards and Programming

Unity (A.Lunati - G.Bruno)

Alex Lunati: Piano, Keyboards,Voice and Programming

 

" I cleave the heavens and soar to the infinite.

And while I rise from my own globe to others

and penetrate ever further through the eternal field, that which others saw from afar, I leave far behind me.

All things are in the Universe,

and the Universe is in all things: we in it, and it in us.

In this way everything concurs in a perfect Unity"

Produced by Alex Lunati e Simona Artanidi, ©2010

Arranged, Recorded and Mixed at Moon-T Studio by Alex Lunati

Strings Quartet recorded by Beppe Acito at Slide Studio

Mastered by Massimo Scagliarini at Total Audio Studio

Art Direction: Simona Artanidi

Photo by Antonio Cellini, Davide Padovani