UN GIORNO PERFETTO

CD ALBUM ©2006

QUANDO SUONO IL PIANO

Musica e Testo: Alex Lunati

Dove vai, ancora fuori
questa sera dove suoni?
Scusa ma, ti sembra che
sia questo il modo di stare insieme?

Ma tu lo sai cos'è per me
per me suonare è come respirare
Ma non vorrei pensassi che
non sei importante tu per me


Ma quando suono "Great balls of fire" mi sembra quasi di planare in aria e all'improvviso non ci sono più

Quando suono il pianoforte vado fuori, fuori di testa
e sballo in mezzo ai suoni
Quando suono il piano volo in mezzo ai sogni e non c'è cosa che mi tiri giù da lì
E non c'è cosa che mi tiri giù da lì

Sono le tre, torno da te
tu sei nel letto che stai già dormendo
E' dura sai, non vederti mai e come avere un cielo senza
stelle.

Non mi dire, non mi spiegare
Sei stata sola tutta sera a pensare.
Ed io qui soddisfatto perchè sono tornato a casa da te.

Ma quando suono "Great balls of fire" mi sembra quasi di planare in aria e
all'improvviso non ci sono più
Quando suono il pianoforte vado fuori, fuori di testa
e sballo in mezzo ai suoni
Quando suono il piano volo in mezzo ai sogni e non c'è cosa che mi tiri giù
Neanche se ci provi tu
con quella corda che mi hai messo e non ci riuscirai lo stesso, no.

Ma quante storie fai
Lo sai che io ho solo te
Ma non mi hai mai visto quando sto suonando?
Ma quante storie fai
Se lei sorrideva a me
Non me ne sono accorto perchè

(Io), quando suono il pianoforte vado fuori, fuori di testa e sballo
in mezzo ai suoni
Quando suono il piano volo in mezzo ai sogni e non c'è cosa che mi tiri giù da lì, e non c'è cosa che mi tiri giù da lì e non c'è cosa che mi tiri giù da lì.

Alex Lunati: Voce, Piano e Tastiere 

Alex Class:  Basso e Cori

Max Baldaccini: Batteria 

Luca Testoni: Chitarre

Giancarlo Di Maria: Programmazione e Tastiere

GIORNO PERFETTO

Musica: Alex Lunati

Testo: Alex Lunati - Tommy Togni

Lou Reed mi ha buttato giù dal letto

la radiosveglia canta "Perfect Day"

Sembrava che anche lui sapesse

che tu con me più non ci sei.

è una stupenda libertà

far colazione senza di te

neanche una nuvola nel mio caffè

Giorno Perfetto

un giorno migliore non c'è

guarda che sole, babe,

un sole così non c'era con te.

Ho messo tutto in lavatrice

e buttato ciò che non miserve più

con te ero come sotto ipnosi

e la centrifuga eri tu

Aenergia tutta per me

e tutto è più semplice

qualunque cosa è fantastica

Giorno Perfetto

un giorno migliore non c'è

guarda che sole, babe,

un sole così non c'era con te.

La gente intorno è più bella

sembra che sorrida e non lo so

Riflesso in una vetrina

vedo un altro uomo ma son sempre io

Lo so che tu non mi perdonerai..mai

ma qual che ho fatto io lo rifarei

E anche stanotte

di fianco a me tu non ci sei

a volte mi manchi

ma è solo per abitudine

Giorno perfetto

un giorno migliore non c'è

sei cenere al vento, babe

e un giorno più bello di questo non c'è

Alex Lunati: Voce, Piano, Basso e cori

Luca Verde: Chitarre

Ibrahim Pekkalha: Batteria

Mario Natale: Tastiere, Hammond e Fender Rhodes

LEI LEI LEI

Musica e Testo: Alex Lunati

Cosa farai quando me ne andrò,

e se per caso fosse questa notte.

l'amore che avevo per te l'ho finito sai.
L'ho cercato ovunque, non l'ho trovato mai.


Stai dormendo e guardo la valigia vuota

e io sento dentro

che è ora di cambiare di andare fuori e volare tra le braccia di  Lei, Lei, Lei

che mi fa volare e che mi travolge come un uragano

Lei, Lei, Lei libera di amare come tu non hai fatto con me ...con me.


Andarmene così non è certo da me,

meriteresti almeno due parole.

ma rischierei di rimanere ancora qua,

persuaso dall'affetto, da una lacrima.


Stai dormendo e vado verso quella porta,

perchè sento dentro

che è ora di cambiare di andare fuori e volare tra le braccia di Lei, Lei, Lei

che mi fa volare e che mi travolge come un uragano.

Lei, Lei, Lei libera di amare come tu non hai mai fatto con me..con me.


Chiudo la porta dietro di me,

scendo in strada e vedo che

la tua finestra si accende,

tu chiami il mio nome,

risponde il silenzio perchè io sto andando da Lei

Lei, Lei, Lei che mi fa volare e che mi travolge come un uragano

Lei, Lei, Lei è che sa mentire come tu non hai mai fatto con me ..con me ...non hai mai fatto con me...no no con me...

Alex Lunati: Voce, Piano, Tastiere, Moog e cori

Massimo Varini: Chitarre

Alex Class: Basso, cori

Max Baldaccini: Batteria e cori

Giancarlo Di Maria: Tastiere

CHIAMA DI NOTTE

Musica : Alex  Lunati

Testo: Enrico Nascimbeni

Arrivi e sali dentro me
Sei pioggia che non passa mai
Le gocce cadono sul cuore
Ma e’ vuota casa mia


Perche’, non so il perchè
L’amore passa e non saluta mai
E vedo il tuo sorriso ma ora e’ pioggia
Che bagna il nostro addio


Tu chiama di notte quando vuoi
Perchè non sei mai andata via
Per sempre in me scivolerai
Da quella stella che ho scelto per noi


Tu chiama di notte quando vuoi
Io sono qui davanti a me
Senza speranze senza un perchè
solo una voce che parla di te


Ma si lo so, e’ cosi,
La notte ha il vizio della fantasia
Ed io ci casco come non sapessi
che il_tempo ci scolorerà
Mi manchi Dio se mi manchi mi mancherai


Tu chiama di notte quando vuoi
Perche non sei mai andata via
Per sempre in me scivolerai
Da quella stella che ho scelto per noi


Ricorda almeno quante volte hai sorriso
Ricorda almeno che la notte ci ha visti
Distesi e stanchi in una stanza
che era un mare infinito
Chiamami di notte fallo questa notte


Per sempre in me scivolerai
Da quella stella che ho scelto per noi

Alex Lunati: Voce, Piano e Tastiere 

Alex Class:  Basso

Max Baldaccini: Batteria e Cori

Luca Testoni: Chitarre

Giancarlo Di Maria: Programmazione e Tastiere

TIMIDA

Musica: Alex Lunati

Testo: Tommy Togni

Timida è la tua poesia

quando muovi ogni cosa intorno

ed io da qui non vorrei mai andar via,

ascoltando ogni tuo momento.


So che tu tanto non ci crederai,

ma ancora sei la mia canzone preferita

che io canto quando ti vorrei


Timida dentro i tuoi passi

buffi ..lenti,

danzano sui nostri sbagli ... ora è tardi.


Timida che per una bugia

nei tuoi occhi si sciolse un mare,

mai saprò quanti segreti nascondi

nei tuoi sguardi che fanno male.


Ti conosco, so che tu riderai,

ma ancora sei la mia canzone preferita

che io canto quando ti vorrei.


Timida dentro ai tuoi passi 

buffi..lenti,

danzano sui nostri sbagli..ora è tardi.


Io ti ruberei,

si io ti porterei nel mio mondo sospeso,

nel mio giardino

con te ballerò

sui tuoi timidi passi

ed io inciamperò e riderai

resta un minuto e io ti darò

in un solo bacio tutta la mia vita.


Timida dentro i tuoi passi

buffi..lenti,

danzano sui nostri sbagli..ora è tardi..

Alex Lunati: Voce, Piano, Mellotron, Tastiere e cori

Massimo Varini: Chitarre

Alex Class: Basso

Max Baldaccini: Batteria

Giancarlo Di Maria: Tastiere

Heading 1

STAI CON ME

Musica: Alex Lunati

Testo: Paola Angeli

Sei li seduta a bere il tuo Martini Dry,

sei li e stai leggendo un libro di poesie.

Ti guardo e tu giri pagina

con gli occhi pieni di curiosità.


Vorrei trovare la frequenza in cui tu sei

per poi sintonizzarmi sui pensieri tuoi

e dirti "Ciao ma lo sai che anch'io

leggo Bukowski proprio come te."


Stasera stai con me, sotto una luna sempre uguale,

non so che ora è, ma so che ho voglia di arrivare,

di fare un viaggio fino al centro di te.

Non ho bisogno del motore se tu

stai con me,

andiamo via.

Tu stai con me ,

andiamo via dai.


Con la sigaretta buco l'aria che

arriva sul tuo viso e tu la soffi via,

io dico "Ciao

ma lo sai che anch'io leggo Bukowski proprio come te."


Stasera stai con me, sotto una luna sempre uguale,

non so che ora è ma so che ho voglia di arrivare ,

di fare un viaggio fino al centro di te.
Non ho bisogno del motore se tu

stasera stai con me su quest'asfalto sempre uguale,

non so che ora è ma so che ho voglia di arrivare

dentro le cose che fan parte di te,

non ho bisogno di parole se tu stai con me,

andiamo via dai, tu stai con me andiamo via.


Allora stai con me sotto la luna, meno male

non so che ora è ma so che ho voglia arrivare

dentro le cose che fan parte di te,

non ho bisogno si parole se tu stai con me

andiamo via

Tu stai come,  andiamo via

stai con me, andiamo via 

tu stai con me,  andiamo via

Alex Lunati: Voce, Piano, Fender Rhodes, Mellotron, Tastiere e cori

Massimo Varini: Chitarre

Alex Class: Basso e cori

Max Baldaccini: Batteria 

Giancarlo Di Maria: Tastiere

DI TE

Musica: Alex Lunati

Testo: Enrico Nascimbeni

Equazione della follia,

un'altra notte che butto via

a respirare le assenze che ho di te..di te.


La luce filtra in mezzo a un vuoto che

è così pieno che non so il perchè

di quel leggero amaro in bocca che ho di te..di te.


Lascio che al luna faccia il resto,

voci dalla strada e sai com'è,

mi ricorderò... mi disseterò di te.


Di te... io mi ricorderò,

di te.. nel buio parlerò.
Io lo so che ogni notte torni qua...

ogni notte la tua assenza arriva...e non va più via.


Temporali in casa mia,

pioggia dubbi e vigliaccheria

è tutto quello che rimane ormai di te..di te.


Poi saranno gli anni a fare il resto,

scusa ma non vorrei ma sai com'è...

io mi scorderò o sognerò di te..

Di te io mi ricorderò....

di te nel buio parlerò..

come una farfalla che si posa su una goccia,

goccia di sudore che mi scivola nel cuore

e notti e notti, e ancora notti a scrivere di te.

Alex Lunati: Voce, Piano, Solo Hammond e cori

Massimo Varini: Chitarre

Alex Class: Basso, 

Max Baldaccini: Batteria 

Giancarlo Di Maria: Tastiere

MAI MOLLARE 

Musica: Alex Lunati

Testo: Enrico Nascimbeni

Seguo con gli occhi un camion

che passa tra pioggia e una corsia

di un autostrada che mi porta via di qua.


Seguo con gli occhi la sua scia

quasi perfetta e l'armonia del tuo viso

che mi porto via con me.


Calci in bocca, parole secche come foglie

ma la vita è tutta qua,

ricordare, amare e poi partire?

 

mai mollare proprio mai

cantare fino a che

la mia voce si confonda con la pioggia e i giorni

che ho diviso insieme a te

ho sognato insieme a te


Ora mi fermo a un autogrill

meglio un panino e poesia?

mastico piano versi e poi bevo nostalgie.


Gli anni e i giorni belli,

il sapore amaro dei ricordi

nella gola vanno giù

come amori, errori e coca cola.


Mai mollare proprio mai

cantare fino a che

la mia voce si confonda con la pioggia e i giorni

che ho diviso insieme a te

ho sognato insieme a te

 

controcorrente nuoto e nuoterò

con tutta la dolcezza che io ho

perchè io non mollo mai

perchè non mi arrendo mai.


Ho adottato una farfalla

ho rincorso anche una stella

ho rubato il mare e adesso il mare è mio.


Ho ubriacato un pianoforte,

ho sognato di sognare,

ho volato così in alto che il cielo

adesso è mio

mai mollare proprio mai,

cantare fino a che

la mia voce si confonda con la pioggia e i giorni

che ho diviso insieme a te

ho sognato insieme a te

mollare proprio mai

mollare proprio mai

Alex Lunati: Voce, Piano, Tastiere e cori

Massimo Varini: Chitarre

Alex Class: Basso

Max Baldaccini: Batteria 

Giancarlo Di Maria: Tastiere

L'ISTINTO

Musica: Alex Lunati

Testo: Paola Angeli

Sdraiato qui nel mio letto non so

se ho voglia di dormire oppure no.
Bevo un caffè, che mi riempie a metà,

il sudore sulla pelle mia

 

ed io resto disteso ad aspettare che,

la mente si confonda con l'idea di te.
Io che voglio riaverti più di subito.


E' l'istinto che  gira dentro me

come un blues mi prende

e mi accompagna l'anima..

è l'istinto che mi riporta li da te.


Mi alzo da qui, mi rimetto nei jeans,

e poi guido dentro un mondo che non so.

Penso che si , che è meglio per me ..

meglio fare che riflettere,

 

ma no non serve a niente e allora accellero,

sono gonfio e carico e lo so perchè...

perchè io voglio amarti più di subito.


E' l'istinto che gira dentro me

come un blues mi prende

e poi mi accorda l'anima....

è l'istinto che mi riporta li da te....

 

arrivo forte dentro te,

ma si io lo so bene quel che vuoi...

ok ti sento respirare vicino a me...


E' l'istinto che gira dentro me

come un blues mi prende

e mi accompagna l'anima..

è l'istinto che mi riporta li da te....da te ....da te

 

Alex Lunati: Voce, Fender Rhodes, Tastiere e cori

Massimo Varini: Chitarre

Alex Class: Basso, 

Max Baldaccini: Batteria 

Giancarlo Di Maria: Tastiere

LICANTROPIA

Musica: Alex Lunati

Testo: Enrico Nascimbeni

La luna

stanotte è piena finalmente

e come un ghiro la gente ora dorme in tutta la città

Io esco

trasformazione imminente

il pelo che cresce, le lunghe affilate, orecchie a punta e poi

Ho gli occhi gialli e vedo un pò più in là

la vittima, la preda è bella è bionda, è alta che schianto

Che fa, mi vuol baciare..

Ma è lei che morderà, è lei che vincerà

e come sempre mi innamoro

altro che lupo (sei un pollo e ti sta bene)

è lei che graffierà, è lei che riderà

Io mi innamoro è questo il difetto che ho

La luna

scende sui corpi degli amanti

ho il pelo pettinato il dente aguzzo

moderò morderò morderò, mordo

Saltello

a quattro zampe nella notte (che notte)

da lupo sfigato mi fermo e poi prendo un taxi

Ho gli occhi rossi e vedo un pò più in là

la vittima, la preda è bella è dolce, è mora è giusta

che fa..mi vuol baciare..

 

è  lei che morderà, è lei che vincerà

e come sempre io mi trovo

sotto la luna a ululare in do minore

è lei che graffierà, è lei che riderà

Io mi innamoro è questo il difetto che ho

Ma chi ha detto che bisogna usare

proiettili d'argento per farmi male

A te è bastato un bacio ed un sorriso

e sei riuscita a fare molto di più.... ahu!

Ma è lei che morderà, è lei che vincerà

e come sempre mi innamoro

altro che lupo (sei un pollo e ti sta bene)

è lei che graffierà, è lei che riderà

Io mi innamoro è questo il difetto che ho

io mi innamoro è il solo difetto che ho no no no no

io mi innamoro, mi innamoro!

Alex Lunati: Voce, Piano, Tastiere e cori

Massimo Varini: Chitarre

Alex Class: Basso, cori

Max Baldaccini: Batteria e cori

Giancarlo Di Maria: Tastiere

Manolo: Congas

Roberto Bergonzoni: "Beiiiiiiibe!!!"

TRA LE PIEGHE SILENZIOSE DELLA LUNA

Musica: Alex Lunati

Testo: Enrico Nascimbeni

Ti avvicini a me quando la neve scende giù..

e bianco è il foglio dei tuoi giorni insieme a me.
Dio come sei bella, sembri un bosco di betulle

e non c'è goccia che assomigli agli occhi tuoi.


Penso al giorno quando crescerai,

penso al giorno quando te ne andrai.
Pioggia di baci e fantasie,

piccole mani tra le mie,

che mi sfiorano come gli addii perchè la vita è già un addio.


Io ti seguirò per sempre ti amerò,ti porterò

tra lepieghe silenziose della luna.
Io ti guarderò per sempre ti amerò,ti amerò

solo tu lo capirai, solu tu ...baby...lo sentirai.


Io mi specchio in te quando sorridi e sai com'è

mi chiedo se davvero tu assomigli a me,

penso al giorno quando crescerai,

penso al giorno quando te ne andrai.


Figlia che bello averti qua

le tue mani perse tra le mie,

che mi sfiorano come gli addii perchè la vita è già un addio.


Io ti seguirò per sempre ti amerò, ti porterò

tra le pieghe silenziose della luna,

io ti guarderò per sempre ti amerò,ti amerò

solo tu lo capirai....


Sei come il pane sfornato al mattino,

sei il più del vento che sposta anche un cielo,

sei la vita che continua, la mia vita che continuerà

Io ti seguirò, per sempre ti amerò ..ti porterò

tra le pieghe silenziose della luna ..della luna

Alex Lunati: Voce, Piano,, Tastiere 

Massimo Varini: Chitarre

Alex Class: Basso

Max Baldaccini: Batteria 

Giancarlo Di Maria: Tastiere

  • Facebook Black Round
  • Instagram Black Round
  • Twitter Black Round
  • Vimeo Black Round